Diventa Sostenitore Senza Frontiere.

DONA ORA
27 gennaio 2016

GRAZIE ANCHE DA PARTE LORO.

Cari Sostenitori,

purtroppo al mondo ci sono persone che pensano di poter usare altri esseri umani come bestie o come giocattoli per i propri fini e il proprio divertimento. Quando chi ha vissuto un’esperienza del genere in prima persona me lo racconta, la rabbia mi esplode nel petto.

Oggi tre donne hanno raggiunto l’ospedale da quasi 40 km di distanza, per raccontare il loro dolore e cercare qualcuno che le potesse aiutare. Hanno 35, 42 e 15 anni. Poco in comune, ma hanno vissuto la stessa devastante esperienza.

Nei giorni scorsi un gruppo ribelle è passato dalle loro parti, ha razziato il villaggio e ha obbligato una parte della popolazione che viveva lì a muoversi con loro. Gli uomini sono stati usati per i trasporti forzati, una volta accampati per la notte, le donne sono state obbligate a preparare la cena e poi forzate ad avere rapporti sessuali più e più volte con uomini diversi.

Dopo due notti sono scappate.

Le osservo mentre sono sedute sulla panchina ad attendere che finiamo di completare i loro documenti. Hanno ricevuto le vaccinazioni e i medicinali necessari a prevenire le malattie a trasmissione sessuale, incluso l’HIV. Vedo una compostezza e una dignità nei loro occhi che mi sembra impossibile pensare che solo poco prima possano aver raccontato, e rivissuto nel raccontarlo, quell’inferno.

Il mio grazie per voi oggi è ancora più sentito del solito. Viene da queste donne per le quali abbiamo potuto fare qualcosa. Certo poco rispetto alla ferita che si porteranno dentro per sempre, ma pur sempre qualcosa.

Grazie.

Elisa


← Torna al diario di Elisa

SCOPRI DI PIÙ
Inserisci i tuoi dati, ti contatteremo.